AAVV – Che cosa ho in testa. Immagini di un mondo in cui valga la pena (a cura di Alberto Rollo) – Baldini&Castoldi 2017Un’antologia di trenta racconti di giovani scrittori e scrittrici italiani, liberi di spaziare partendo da un’esperienza, una visione, un dettaglio, un’avventura di un mondo in cui valga la pena muoversi, lavorare, vivere. Ne escono storie e scritture molto diverse, ma tutte interessanti. Tra queste, a sorpresa, il testo di Gaia Manzini, scrittrice milanese, autrice di alcuni romanzi interessanti e della sceneggiatura di Mia Madre insieme a Nanni Moretti, è dedicato al mondo dei cammini e in particolare al sottoscritto, Luca Gianotti. Il testo si intitola “I sentieri del ragno” e dipinge ad ampie pennellate la cultura dei cammini, e la filosofia innovativa che c’è dietro, la carica di controinformazione e di resistenza che si annida nel cammino, basta solo saperle cogliere. Grazie Gaia per questo! (LG)

I commenti sono chiusi.